Di Alvise Danesin

Da Febbraio è impegnato nel tour per la promozione del nuovo album e questa settimana tocca al Monk di Roma ospitare il cantautorato di Umberto Maria Giardini. Talassa, in collaborazione con il locale romano, mette in palio due biglietti omaggio per il concerto previsto per giovedì 18 Maggio.

Per partecipare leggi la breve descrizione dell’artista e rispondi alla domanda inviando la risposta a talassacontest@gmail.com.

Il primo a rispondere correttamente si aggiudicherà i due ingressi per il live.

UMBERTO MARIA GIARDINI

+Hibou Moyen

@Monk Circolo Arci

GIOVEDÌ 18 MAGGIO

Dalla fine degli anni ‘90, Umberto Maria Giardini entra a far parte del panorama cantautorale italiano come Moltheni. Sotto questo pseudonimo, l’artista di origine marchigiane colleziona ben otto album in studio, che da subito suscitano l’interesse di artisti come Carmen Consoli (a cui aprirà alcuni concerti) e dell’etichetta Cyclope Records. A tre anni dall’album d’esordio partecipa al Festival di Sanremo con il brano Nutriente e due anni più tardi collabora per la colonna sonora del film di Franco Battiato, Perdutoamor, interpretando il brano Prigioniero del Mondo di Battisti. Nel 2005 comincia il sodalizio con i Tre Allegri Ragazzi Morti e La Tempesta Dischi, per la quale inciderà tutti i dischi successivi.

Dal 2012, dopo una breve parentesi come batterista nel progetto post-rock Pineda, Umberto Maria Giardini decide di tornare a calcare i palchi della penisola usando il proprio nome reale e, sempre per La Tempesta Dischi, pubblica La Dieta dell’Imperatrice. Sotto questa nuova identità artistica decide di dare più peso alla musica piuttosto che alle parole e dichiara la completa estraneità dalla precedente esperienza come Moltheni e da tutto il mondo del cantautorato italiano. Nei suoi brani, infatti, si può cogliere una particolare cura della parte strumentale che unisce chitarre elettriche, pulite e distorte, a melodie di synth e voce.

Giovedì 18 Maggio UMG, a due anni di distanza da Protestantesima, presenterà nella capitale il quarto lavoro in studio, Futuro Proximo (La Tempesta Dischi), disco coinvolgente, ricco di aforismi e che ruota attorno al tema della “sempre più marcata incomunicabilità tra le persone”. Ad aprire la data romana ci sarà la chitarra acustica di Hibou Moyen, al secolo Giacomo Radi, che lo scorso novembre ha dato alle stampe Fin Dove Si Tocca, album d’esordio prodotto da Umberto Maria Giardini.

Domanda: quale professione svolge, oltre a quella di musicista, Umberto Maria Giardini?

Vi ricordiamo che il Monk è un circolo Arci e che l’ingresso è riservato ai soci. Potete richiedere la tessera 24h prima a questo link http://www.monkroma.club/tesseramento/

Per tutti i dettagli dell’evento date un’occhiata alla pagina Facebook: https://www.facebook.com/events/1530913470256569/

Annunci