di Alessandra Virginia Rossi

Sebbene non si debba mai giudicare troppo in fretta, ammettiamolo, è bellissimo gustare un album già dalla copertina. A rendere un artwork prezioso, talvolta sono veri e propri artisti chiamati a regalare (si fa per dire) le loro opere a una band, poi al mondo e qualche volta, chissà, alla storia. Nel 2003 i Blur riescono a convincere l’enigmatico Banksy a fare un’eccezione alla sua tendenza a non pubblicizzare nulla. Ne nasce la copertina del loro settimo album “Think Tank” e cominciano a spuntare elmetti da immersione in vari angoli di Londra. L’energia della street art è un’ottima promozione per chi vuole far arrivare al pubblico l’energia del proprio disco. Per questo gli Smashing Pumpkins scelgono Obey per “Zeitgeist” e Chris Brown si fa ritrarre da Ron English per “F.A.M.E.”.

1.jpg

Ricorrere agli artisti non è certo una novità dei nostri tempi. A questo proposito viene in mente solo un nome: Andy Warhol. C’è forse qualcosa da aggiungere? Oltre a creare la banana più famosa del rock n’ roll, però, la Pop Art ha vestito molti altri vinili di tutto rispetto. Keith Haring presta la sua arte a David Bowie, per il singolo Without You da “Let’s Dance”, e a Malcolm McLaren, il guru del punk made in UK, nel suo progetto hip hop “Duck Rock” (che con Buffalo Gals ha ispirato anche Eminem in Without me).

1.jpg

Anche Basquiat lavora per la cultura hip hop realizzando la copertina di “Beat Bop” di Rammellzee + K-Rob, così come Roy Lichtenstein presta le sue donne cartoon a Bobby O e Robert Rauschenberg il suo astrattismo ai Talking Heads.

1.jpg

Il mondo dell’arte contemporanea ha una passione per il pop e non lo nasconde. Damien Hirst, provocatorio artista britannico, ha curato più di una copertina per Joe Strummer & The Mescaleros, The Hours, Babyshambles, RHCP e anche quella per un suo bizzarro progetto musicale che prevede il viso di Kate Moss dissezionato in copertina e un vinile inascoltabile in edizione limitata. Jeff Koons, suo collega e amico, è invece citato in qualunque articolo si occupi di album covers iconiche per quello che secondo molti sarebbe un odierno capolavoro del genere: la copertina di “Artpop”. Una Lady Gaga statuaria nasce dai frammenti di due opere leggendarie La nascita di Venere di Sandro Botticelli e Apollo e Dafne del Bernini. Un accostamento un po’ kitsch talvolta, ma quella di associare opere classiche al pop rock moderno è una mossa vincente. Lo dimostra “Power, corruption & lies” dei New Order che pesca la sua romantica copertina nel 1890 da Henri Fantin-Latour pittore realista, autore di A basket of Roses.La storia dell’arte ispira i musicisti e sembra completare il loro discorso artistico. John Squire, chitarrista degli Stone Roses, compie un chiaro tributo a Pollock ideando la copertina del loro album di debutto.

1

Jack e Meg White sono per anni un tributo vivente alla corrente artistica De Stijl e in tema Futurista i New Order, prima di tuffarsi nel XVII secolo, si ispirano ai manifesti di Fortunato Depero per l’album “Movement”. Reinterpretare le opere d’arte è divertente oltre che stimolante. Ne sanno qualcosa i Pogues con “Rum, sodemy and the lash” che fanno una parodia de La zattera della Medusa di Géricault, Bowie e Iggy Pop che a Berlino scoprono la corrente pittorica espressionista Die Brücke e ci regalano le immortali copertine di “Heroes” e “The Idiot” ispirate al ritratto Roquairol di Erich Heckel, infine i Bow Wow Wow che reinterpretano Déjeneur sur l’herbe di Manet passando qualche guaio legale a causa del nudo della cantante Annabella Lwin allora solo quattordicenne. E la bellissima copertina di “Lungs” di Florence + the machine? Un tributo a Frida Kahlo che dipingeva il suo cuore in vista come i polmoni indossati da Florence Welch. Fu proprio dopo averne visto il manifesto per tutti i corridoi della metropolitana di Londra che comprai quel disco nel 2009. Quella copertina dai toni accesi ma oscuri, barocca e punk mi ha invitata a seguirla come Alice ha seguito il coniglio.

1.jpg

 

Un disco è un oggetto artistico godibile in tutte le sue forme. Coinvolge quasi tutti i sensi, si porta dietro grandi storie ed è il mezzo più concreto per essere in intimo contatto con un artista. Per non lasciarlo mai più. Questo in fondo è stato l’intento di David Bowie nel lasciarci “Blackstar”. Così vivo e interattivo, così nero ma pieno di luci nascoste e ancora tutto da scoprire.

1

Annunci